Home Guida Irlanda Lavorare a Dublino. Considerazioni
2

Lavorare a Dublino. Considerazioni

602
2

Con questo articolo voglio fare una riflessione sull’argomento Lavorare a Dublino, poichè è la maggiore città Irlandese scelta tra gli Italiani. Ecco che scrivo le mie considerazioni di seguito.

work

Introduzione
Prima di tutto devo fare un passo indietro con gli anni dove gli esperti di economia indicano l’Inizio della Recessione nell’anno 2008. Secondo il mio parere questa è iniziata invece alla fine del 2006 poichè gia da allora si registravano segnali di cedimento: Aziende Americane erano infatti in procinto di chiudere alcuni dipartimenti ritenuti non vitali per il loro business in Irlanda, mentre altre riducendo il numero del personale per risparmiare sui costi. Mi ricordo che in tale anno, lavoravo a Dublino per una compagnia Multinazione che offriva servizio di Technical Support in Outsorcing, Stream International, la quale iniziò a chiudere alcuni gruppi di supporto. Da quell’anno infatti le notizie erano trasmesse come in un bollettino di guerra: Ogni giorno sui quotidiani Irlandesi leggevi di altre Compagnie che erano in passivo. Mi ricordo che fu la prima volta che scoprii la parola “Redundancy”. Alcuni nomi famosi che mi vengono in mente sono certamente la Symantec, La Smurfitt & Kappa, Xerox, etc, etc. Senza dubbio la Creative Labs, ditta di Singapore che ha mandato in Redundancy quasi 500 persone. Se ancora andate a Ballycoolin Business Park vicino a Blanchardstown potrete vedere quello che era la grandezza di questa ditta. Adesso l’edificio è stato venduto ad un altra. Nel 2001 circa 1200 persone erano impiegate in questa ditta, dalla produzione, management, supporto tecnico etc, etc, ed adesso sono rimasti in circa 20 in un ufficio in affitto in Centro. Questi sono solo piccoli esempi di quello che è accaduto in quegli anni a Dublino.

Ritornando a noi, la domanda spesso spontanea che si pongono e molte volte viene scritta nel nostro Forum è : Posso lavorare a Dublino? Troverò un lavoro?

Anche se questa domanda può sembrare facile, vi sono numerosi fattori e considerazione da fare, tenendo pure presente il fattore lavorativo in Italia con l’alto numero di disoccupazione, il precariato e per chi ha un lavoro non certo la grande busta paga. Tuttavia, se davvero fosse così problematico in Italia allora perchè non si sta assistendo ad una migrazione di massa? Si vede che in qualche maniera si può tirare avanti. Ma capisco che è difficile.
Per rispondere quindi alla domanda sopra, cerchiamo di riformularla in maniera più semplice e diretta: In Irlanda si trova lavoro? La risposta è si ovviamente. Quindi penserete, ok prenoto un aereo e parto anche io visto che mi assumeranno appena arrivo all’aeroporto. Quindi qualcosa va aggiunto. Allora la risposta andrà modificata con la seguente: Dipende che state cercando e quanto volete rimanere in Irlanda. Se state cercando un lavoro qualsiasi per poter mettervi da parte dei soldi nell’arco di un paio di anni e poi ritornare in Italia, allora questo può essere una idea non male. Basta cercare sui siti famosi di ricerca di lavoro online come Monster o Jobs.ie per rendervi conto delle varie offerte per un Italian Speaker o Italian Customer Service. Anche la busta paga non è male. Si parte dai 1500 euro il mese. Ultimamente sta diventando tutto outsorcing, quindi non pensiate che vi vengano offerti benefits o assicurazioni private. Quindi se vi ammalate o dovete andare dal dottore, cè da pagare.

Se invece sono un laureato e voglio usare il mio titolo di studio, fare carriera e stabilirmi in Irlanda? Beh, questa è gia una domanda più complessa e non vi è risposta certa o assoluta. Dopo 8 anni in Irlanda posso dire che prima di tutto la sorte la fa da padrona. In molti casi se hai applicato al momento giusto, hai un gruppo di lavoro corretto ed un Team Leader che apprezza ciò che fai e vede in te possibilità di carriera allora molto probabilmente ci saranno occasioni giuste per le promozioni. Questo però non può essere scoperto a priori, come è anche vero che in ogni ditta vi sono regole ben stabilite, alcune possono essere raggirate altre usate come difensiva per rifiutare una applicazione interna, tipo che in molte ditte devi farti 6 mesi di “probation period” per poi applicare ad altre più succulenti “positions”. Quello che posso essere sicuro è che tutto il mondo è paese e di non meravigliarsi se qualcuno che lavora con voi è passato avanti di carriera. Ovviamente questo non accade in tutte le ditte, quindi in linea di massima, devo comunque dire che ne vale la pena di tentare, magari standoci per un paio di anni e vedere come vanno le cose.

Parlando dei settori dove maggiormente viene richiesto personale a Dublino da elencare:

  • Information Technology (Informatica) dove una laurea in informatica è ben vista: Programmatori, analisti informatici, esperti di linguaggi di programmazione.
  • Ingegneri tecnici per lavori di Stock management, goods purchasing, e dove venga richiesta una capacità analitica.
  • buona richiesta anche per cuochi e barman qualificati. In questo caso l’Inglese deve essere buono sopratutto per il secondo poichè lavoreremo in fronte al cliente.
  • Finanziario: Accountancy, Payroll (buste paga), Credit Collector e Controller, Fraud, promotore finanziario e Financial Analyst.
  • Health care: infermieri, alcuni settori specializzati della medicina e nell’ambito della ricerca.

Sebbene l’ambito del Customer Service e Technical support in lingua Italiana di livello base sia ancora un lavoro di immediato approccio lavorativo, poichè non si richiede troppa esperienza ne tantomeno grande conoscenza dell’Inglese, consiglio eventualmente di trovare qualcos’altro per il quale sia maggiormente impiegato l’uso della lingua Inglese, altrimenti vi troverete a lavorare con connazionali e con clienti Italiani e si sa che l’Inglese in tal caso non migliorerà. Tuttavia anche qua, dipende dalla vostra situazione personale e dalle vostre priorità. Se non avete molti risparmi con voi e/o siete con l’acqua alla gola, quello è un altra questione.

Tirando le somme posso certamente concludere che l’Irlanda è ancora oggi una opzione valida per chi vuole lavorare all’estero, specialmente se abbiamo l’esperienza in quei settori sopracitati ed ovviamente un buon livello di Inglese.

Sempre nell’argomento “Lavorare a Dublino” ti invito a leggere questi ulteriori articoli di approfondimento:

Stai cercando una informazione specifica oppure non hai trovato quello che cercavi?

Puoi segnalarcelo nella pagina dei Suggerimenti. Ci consentirà di migliorare il nostro servizio

tags:

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *