Home Guida Irlanda Lavorare a Dublino come Libero Professionista
2

Lavorare a Dublino come Libero Professionista

193
2

Lavorare a Dublino come Libero Professionista: Come si fa? Quali sono i pro e contro? Che differenze ci sono con una Limited Company Irlandese?

In Irlanda si può lavorare come Libero Professionista registrandosi come Sole Trader. Tuttavia questo nome non significa necessariamente Libero Professionista, perchè anche una ditta individuale o un ristorante può esserlo. In questo articolo farò comunque riferimento ad un Sole Trader come Libero professionista in modo da facilitarne la comprensione. Però ho voluto puntualizzare questa cosa perchè spesso abusata in Rete.

Libero professionista Dublino

Il Sole Trader è la figura professionale più semplice in termini legali che troviamo in Irlanda. Per registrarsi basta una singola persona. Infatti colui che lavora è anche il responsabile legale. Questo viene chiamato in Inglese unlimited liability (responsabilità illimitata). Se ad esempio la nostra attività va in fallimento, l’eventuale debito da pagare può essere riscattato dal sequestro dei beni personali (personal asset). Tuttavia questo è solamente un caso estremo.

Aspetti Positivi nel lavorare come Libero professionista (Sole Trader) in Irlanda

  • Singolo individuo: Basta una persona per aprire la ditta (notare che ho scritto ditta) o attività commerciale.
  • Burocrazia snella e semplice: Non vengono richiesti documenti extra come nel caso di una Limited Company LTD (il Memorandum oppure Article of Association). Infatti basta compilare e spedire il Modello TR1 all’Ufficio tasse Irlandese (Revenue) al prezzo di un francobollo ed una busta da lettere e ci siamo registrati.
  • Nome della ditta o del libero professionista: Si può decidere se lavorare con il nostro vero nome e cognome oppure registrare il nome della ditta. In tal caso basta registrarlo online al CRO per 20 Euro (prezzi aggiornati al momento della pubblicazione di questo articolo).
  • Costi di gestione più bassi: Il commercialista, se decideremo di averne uno (infatti non è obbligatorio) costa molto meno rispetto a quello di una Limited Company che lavora di più con le scartoffie. In entrambi i casi, bisognerá ogni anno presentare il Tax Return. Se hai bisogno di un servizio di Tax Return Filing ti consiglio il sito di Tax Back a partire da 239 Euro.
  • Facilità nella chiusura dell’attività: Se decidiamo di chiudere l’attività, sarà allo stesso modo facile come averla aperta.
  • Assunzione del personale: Anche come sole trader possiamo assumere del personale.
  • Pochi regolamenti: Non siamo sottoposti a regolamenti come ad esempio il Company Act per le Limited Company Irlandesi dove vengono dettati i doveri della Compagnia, dei suoi direttori e del segretario.
  • Privacy:  quello che guadagnamo a fine anno lo sappiamo solo noi (ed anche il Revenue). Non ci sono database dove uno sconosciuto può andare a sapere il tuo introito. Una Compagnia Limited invece è scoperta, nel senso che i dati personali dei suoi direttori sono resi pubblici, allo stesso modo il profitto. Quindi se lavori a casa come Compagnia Ltd i dati di casa tua sono pubblici e non puoi farci niente.

Aspetti negativi o perlomeno non positivi per un Sole Trader (rispetto ad una LTD)

  • La responsabilità è a carico del titolare: Se per qualsiasi ragione ho un problema con le tasse, i fornitori, i clienti, (inteso come debito o causa legale) possono toccare quello che si chiama il mio personal asset (beni personali come la mia automobile, casa, etc, etc). Una Ltd ha Limited liability, cioè Responsabilità Limitata al capitale Sociale della Compagnia. Tutto ciò che non è assetto della Compagnia non viene toccato.
  • Ogni profitto nella attività viene trattato come personale (Income Tax) piuttosto che quello di una Compagnia (dove la Corporate Tax è al 12.5%). In questo caso si dovrà pagare il PAYE, PRSI e USC (leggi il mio articolo dettagliato qui) come appunto fossimo datori di lavoro di noi stessi. In linea generale si paga più tasse rispetto che ad una Ltd (vista come compagnia).
  • Tassa PRSI in classe S: questa voce è legata alla tassa sul Social Welfare (vedi disoccupazione o benefits per la famiglia). Lavorando come Self Employed = Sole Trader = Libero professionista, la classe di PRSI è S che indica che non hai diritto alla disoccupazione come invece chi lavora come dipendente.  Quindi se non hai molto lavoro o il tuo lavoro non produce introiti, in poche parole rimani a terra.

Altre informazioni utili ma sopratutto sfatiamo un pò di miti

  • VAT o IVA Irlandese: Non è assolutamente obbligatorio aprire una partita Iva se il nostro fatturato annuo non supera un certo limite (attualmente 37.500 Euro per i servizi e 75.000 per la vendita). In alcuni casi può essere utile aprirla anche se abbiamo un fatturato basso al fine di recuperla dalle spese sostenute per l’attività. Ma questo è un altro discorso. Maggiori informazioni su questo argomento si trovano sul sito del Revenue Irlandese cliccando qui.
  • Sole traders al posto che dipendenti: Alcune ditte Irlandesi si sono fatte furbe, nel senso che offrono lavoro specialmente nel campo IT a candidati che sono registrati come liberi professionisti. In questo modo le ditte stesse non pagano la previdenza sociale perchè non hanno assunto un dipendente ma un consultant o un contractor. Pagano solamente un compenso lordo giornaliero. Tuttavia nella realtà lavoriamo come dipendenti, sottostando ai managers e supervisors ma senza benefits, ferie pagate, malattie pagate. Sul compenso ricevuto bisogna poi pagarci tutte le varie tasse elencate sopra.

In conclusione, se sia meglio lavorare a Dublino come libero professionista (Sole Trader) oppure come rappresentante di una Limited Company, dipenderà un pò dal tipo di lavoro, dal volume di affari e se pensiamo sia meglio avere una responsabilità limitata all’assetto della azienda. A mio parere, a meno che non vi sia un volume di turnover elevato, dipende anche dalla professione, lavorando come dipendente é piú vantaggioso perche’ abbiamo una serie di benefits coperti dalla compagnia, orario fisso e malattie pagate.

Nota legale: in questo articolo sono raccolti pareri personali e informazioni raccolte in rete presso i vari siti ufficiali Irlandesi come Revenue e Company Registration Office. Il seguente non rappresenta ne un parere tecnico ne legale.

tags:

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *