Home News Irlanda Abrogata la Legge sulla Blasfemia in Irlanda

Abrogata la Legge sulla Blasfemia in Irlanda

0
0

Il 26 Ottobre 2018 in Irlanda, in concomitanza con l’elezione del presidente della Repubblica, i cittadini Irlandesi sono stati invitati ad esprimersi anche sull’abrogazione della blasfemia. Questa, ancora in atto in Irlanda, e considerata a tutti gli effetti come un reato criminale, secondo il Defamation Act 2009 della Costituzione.

Abrogazione blasfemia in irlanda scheda

A seguito dello scrutinio, la maggioranza formata dal 64.85% (circa 952 mila) ha votato a favore dell’abrogazione sulla legge sulla blasfemia, sebbene l’affluenza media alle urne é stata solo del 43.79%

Alcuni fatti interessanti

  • Sebbene questa legge fosse finora in atto, nessuno é stato mai accusato e processato per Blasfemia sin dal 1885;
  • La legge sulla Blasfemia, non era solo riferita alla chiesa cattolica ma ad ogni religione;
  • L’atto di blasfemia, secondo questa legge, non si riferisce alla bestemmia, ma all’atto di diffamazione pubblica verso una religione/gruppo religioso o una azione che provoca offesa ad un gruppo di membri di una religione;
  • Pena punibile per diffamazione a scopo di blasfemia era fissato fino a un massimo di 25 mila Euro;

In realtá non c’é mai stata una vera e propria legge sulla blasfemia, ma la stessa veniva elencata come atto criminale in caso di diffamazione (Articolo 4.6 della Costituzione) a sfondo religioso:

The publication or utterance of blasphemous, seditious, or indecent matter is an offence which shall be punishable in accordance with law

Con la proposta di abrogazione, veniva rimosso la parola “blasphemous” dalla frase sopra.

Nonostante il SI abbia vinto, come scritto sopra, l’affluenza al voto é stata molto bassa, solo il 43.79% dei votanti. Questo potrebbe dimostrare che parte dei cittadini Irlandesi ha perso interesse per la politica? Parlando con alcuni amici e colleghi che hanno diritto di voto in Irlanda, se per alcuni non avevano nemmeno idea di questo referendum, altri non hanno neppure voluto andare a votare.

Per maggiore approfondimento in lingua Inglese

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *